fbpx
come dimagrire dopo i 40 anni

Come dimagrire bene dopo i 40 anni e senza stress

Consigli utili su come dimagrire dopo i 40 anni senza perdere le speranze

Le strategie collaudate a 20 o 30 anni per perdere peso non funzionano più? Anche mangiando meno e aumentando l’esercizio fisico, in età più avanzata, può capitare di non riuscire a smaltire qualche chilo di troppo con facilità.

Non bisogna però perdere le speranze! Ecco, quindi, come dimagrire dopo i 40 anni senza diete drastiche o privazioni eccessive che, al contrario, rischierebbero di minare la salute psicofisica dell’organismo.

Perché dopo i 40 anni è più difficile perdere peso?

Più o meno per tutte le donne il traguardo dei 40 anni è cruciale. Infatti, superata una certa età, il corpo subisce delle modificazioni a livello fisico, ormonale e metabolico e con esso cambiano anche le esigenze nutrizionali.

A incidere sul controllo del peso sono, infatti, diversi fattori, come lo stile di vita, le abitudini alimentari e il modo in cui il corpo immagazzina i grassi.

Nello specifico, si entra nella fase di perimenopausa che determina un abbassamento dei livelli di estrogeni, gli ormoni femminili, e del testosterone, un ormone maschile presente anche nella donna: ciò comporta la riduzione della massa magra ( muscoli e ossa) e, di conseguenza, l’aumento di quella grassa.

La diminuzione della massa muscolare, a sua volta, causa un rallentamento del metabolismo (del 5% ogni 10 anni a partire dai 40), e questo fa sì che la quantità di calorie “bruciate” diminuisca, rendendo più facile ingrassare o più difficile dimagrire anche quando si segue una dieta ipocalorica. Le variazioni ormonali, inoltre, tendono a far accumulare il grasso su pancia, fianchi e glutei.

Con l’avanzare dell’età, poi, è anche possibileche si conduca una vita più sedentaria, con tutto ciò che ne consegue. Per tutte queste ragioni, anche se ovviamente conta molto ciò che si mangia, spesso non basta solo ridurre le calorie per dimagrire dopo i 40 anni!

Come dimagrire dopo i 40 anni: 3 consigli utili

Se ti senti gonfia e appesantita, ma proprio non riesci a buttare via quei chili di troppo che ti fanno sentire a disagio, allora forse ti starai chiedendo come dimagrire velocemente dopo i 40 anni.

Sono essenzialmente tre le strategie di base per dare una scossa al metabolismo, perdere peso e mantenerlo:

  1. Assumere più proteine magre. In ogni pasto è importante consumare un alimento proteico. Le proteine magre, infatti, nutrono, tonificano e aumentano la muscolatura. Sono particolarmente importanti, in particolare, le proteine sirtuine, che hanno la capacità di regolare una grande quantità di processi legati al metabolismo, stimolandolo.
  2. Abbinare bene i cibi. È sempre una strategia vincente, in ogni tipo di percorso dimagrante e ancor di più dopo i quarant’anni. Inoltre, è utile anche per la prevenzione del diabete e della formazione di grasso addominale. Un esempio? Abbina sempre ai carboidrati proteine e verdure, ma anche cibi fonti di grassi buoni.
  3. Fare attività fisica. Basta anche solo una camminata a passo svelto di 30 minuti al giorno. L’attività fisica migliora l’umore, riduce lo stress, aiuta a riattivare il metabolismo e a bruciare più energia, evitando che si trasformi in grasso. 

Come attivare le nostre proteine sirtuine organiche?

Per ottenere questo risultato dobbiamo aumentare l’apporto di quelli che vengono definiti, appunto, cibi Sirt, in quanto ricchi di flavonoidi e altre molecole in grado di attivare il nostro metabolismo delle sirtuine. I cibi Sirt sono circa una ventina e favoriscono, quindi, un dimagrimento rapido e l’incremento della massa muscolare.

In altre parole, seguire la Dieta Sirt è consigliabile perché si basa proprio su questi alimenti che riproducono l’effetto della restrizione calorica e dell’attività fisica, simulando anche il digiuno, grazie alla loro spiccata proprietà enzimatica.

Scopri allora nello specifico come funziona la dieta Sirt contattando uno dei nostri consulenti esperti e acquista tutti i prodotti necessari per integrare i cibi Sirt nel tuo piano alimentare: sul nostro shop online trovi il succo Sirt fitoterapico, un succo verde di elementi vegetali in grado di attivare le sirtuine, ma anche il tris di proteine o i kit completi come il pacchetto brucia grassi, che comprende anche Drenarit, utile per contrastare la ritenzione idrica ed eliminare i liquidi in eccesso.

Ora che sai come dimagrire dopo i 40 anni, non perdere altro tempo prezioso: contattaci.

Leggi di più...
fitoterapia-cos-e

Fitoterapia: cos’è e quali sono i benefici sull’organismo

Tutto quello che c’è da sapere sulla fitoterapia: cos’è e come avvalersene

Ti è capitato di ammalarti troppo spesso durante la stagione invernale o di non riuscire a liberarti di quel fastidioso dolore alla cervicale? Tenere a bada le problematiche che possono colpire l’organismo permette di raggiungere il benessere psicofisico e condurre una vita serena e in salute.

Proprio per prevenire e curare disturbi come questi, è possibile avvalersi dei benefici derivanti dall’uso di piante o estratti di piante, una pratica che si perde nella notte dei tempi. Scopriamo, allora, di più sulla fitoterapia: cos’è e quali sono le sue proprietà terapeutiche.

Fitoterapia: cos’è e quali sono i suoi benefici

La fitoterapia è una branca della farmacoterapia, la quale si occupa di prevenire e trattare diversi disturbi e malattie mediante l'uso di piante medicinali e preparazioni da esse ottenute.

Il termine “fitoterapia”, infatti, deriva dal greco e significa proprio “curare con le piante”, una pratica utilizzata da millenni, che permette di focalizzarsi su ciò che è naturale, sfruttandone le caratteristiche a proprio beneficio.

È importante sottolineare che la fitoterapia non si avvale del principio attivo singolo, come avviene nella terapia farmacologica “classica”, ma di piante e prodotti da esse ottenuti che contengono diverse sostanze: per questo si serve di specifici trattamenti e tecnologie estrattive idonee a realizzare prodotti in forme farmaceutiche purificate e standardizzate, quindi assolutamente sicuri.

La fitoterapia non va quindi confusa con la medicina erboristica, la medicina naturale, non convenzionale, ma neanche con quella tradizionale.

I 7 benefici della fitoterapia sull’organismo

L’efficacia delle piante medicinali è basata su prove di carattere scientifico e dimostrate sul campo nel corso del tempo.

In particolare, gli innumerevoli benefici della fitoterapia possono essere così riassunti:

  1. Azione antinfiammatoria e antitossica.
  2. Stabilizzazione del livello ormonale.
  3. Regolazione dell’intestino.
  4. Azione positiva sull’attività del sistema nervoso.
  5. Aumento delle difese immunitarie.
  6. Contrasto dei disturbi del sonno.
  7. Controllo del peso corporeo.

La fitoterapia, infatti, è efficace nel contrastare disturbi come insonnia, mal di testa, ansia, dolori muscolari, irritabilità, dolori mestruali, ritenzione idrica e così via.

Questa pratica, permette quindi di stare bene ma anche in forma, perché i diversi preparati fitoterapici sono, infatti, anche in grado di riattivare il metabolismo in modo naturale e veloce.

Pensiamo al Guaranà: la caffeina contenuta nei suoi semi, libera gli acidi grassi dalle riserve di grasso corporeo incrementando la possibilità di bruciarlo. Inoltre, il Guaranà aumenta il senso di forza e concentrazione, quindi è un ottimo rimedio contro la stanchezza fisica e mentale.

Dove trovare i migliori preparati fitoterapici?

Ora che sai di più sulla fitoterapia, cos’è e quali sono i suoi benefici, è bene che tu sappia che i principi attivi delle erbe medicinali possono essere estratti e immessi nell’organismo per mezzo di integratori sotto forma di compresse, olii essenziali e altro ancora.

Sullo shop online di Dr. Ritelì trovi tantissimi integratori fitoterapici, specificamente formulati per contrastare diverse problematiche.

Ad esempio, per rinforzare le difese immunitarie, è disponibile Immunirit in capsule, con Astragalo, un pianta riconosciuta ufficialmente per le sue capacità di rinforzare il sistema  immunitario e efficace nel favorire la funzionalità delle prime vie respiratorie, Uncaria, dalle proprietà antinfiammatorie e altre piante dalle numerose qualità.

Se invece hai bisogno di drenare i liquidi in eccesso, puoi provare il preparato Drenarit che favorisce l’eliminazione delle tossine, favorendo la diuresi e le funzioni depurative dell’organismo.

Tutti i nostri prodotti fitoterapici sono frutto dell’esperienza della nostra famiglia, che negli anni si è specializzata in Scienza e Tecnica delle Piante Officinali, compiendo studi sulle specie vegetali a valenza terapeutica. 

Contattaci per ricevere una consulenza specializzata e acquistare i prodotti più adatti alle tue esigenze.

Leggi di più...
come riattivare il metabolismo

Come riattivare il metabolismo in modo sano e veloce

Salute e benessere: come riattivare il metabolismo e tornare in forma

Tutti sognano di averlo più veloce ed efficiente, ma in pochi sanno cos’è esattamente e come funziona: stiamo parlando del metabolismo.

Sebbene, soprattutto a una certa età e quando si ha qualche chilo di troppo, il metabolismo lento può rappresentare un problema, non bisogna rassegnarsi perché non è mai troppo tardi per capire come riattivare il metabolismo in modo sano e tornare in forma velocemente. Ecco qualche consiglio utile!

Cos’è e come funziona il metabolismo?

Il metabolismo è l’insieme dei processi biochimici che trasformano ciò che mangiamo in energia. A seconda delle richieste dell’organismo, infatti, il nostro corpo riceve, immagazzina e utilizza una certa serie di nutrienti. 

Gli elementi che concorrono sono, in primis, il consumo energetico e l’introduzione del cibo, insieme ad altri fattori come la genetica, l’attività fisica, l’età, lo stile di vita e l’attuale forma fisica. È importante che il metabolismo sia veloce perché tende a trasformare e bruciare più rapidamente il cibo che mangiamo, a differenza di un metabolismo “lento” che lo farà con più tempo.

In particolare, è utile conoscere il proprio metabolismo basale, ovvero l’insieme di reazioni che soddisfano il fabbisogno calorico necessario al mantenimento delle nostre funzioni vitali in condizioni base, ovvero quando siamo completamente a riposo, con neutralità termica e a digiuno da almeno 12 ore.

Aumentando l’attività, da questo stato di base, aumentano anche le necessità del nostro organismo e consumiamo più facilmente quello che ingeriamo. Quindi, è facile intuire che per mettersi in forma bisogna seguire una dieta equilibrata e accelerare il metabolismo, incrementando il dispendio energetico.

Come riattivare il metabolismo in 5 mosse

Ci sono delle strategie semplici per dare una scossa al metabolismo. Si tratta di piccole regole di buon senso che aiutano il nostro organismo a riprendere il ritmo e a utilizzare, con la giusta velocità, tutta l’energia fornita dagli alimenti che ingeriamo. 

Ecco qualche consiglio prezioso su come riattivare il metabolismo:

1.Fare esercizio fisico

Senza dubbio è il modo più efficace  perché incrementare la massa magra aiuta a stimolare il metabolismo. I muscoli, infatti, sono organi che consumano più energia rispetto alla massa grassa, avendo la necessità di rinnovarsi costantemente. Ogni kg di muscolo aumenta il metabolismo di quasi l’1,5%.

Oltre a fare attività fisica costante, se svolgi un lavoro che ti costringe a stare seduto per molte ore, fai una pausa ogni ora per una breve passeggiata o fai qualche semplice esercizio per la parte inferiore o superiore del corpo.

2. Ridurre lo stress

Lo stress è uno dei peggiori nemici del metabolismo. Quando un corpo è sottoposto a un pericolo, fisico o psicologico, si innesca una risposta rapida atta a proteggere l’organismo. I muscoli tendono a non crescere perché il corpo è impegnato a rispondere agli stimoli e non si occupa della rigenerazione delle fibre muscolari, quindi questi tessuti non potranno metabolizzare le riserve energetiche: si avvia così un circolo vizioso, nel quale la massa magra non aumenta e quindi non si riesce ad attivare il metabolismo.

Combatti lo stress con sedute di meditazione, pause rilassanti, hobby che ami, quattro chiacchiere con gli amici e tutto ciò che ti fa stare bene.

3. Bere molto

Il corpo ha bisogno di mantenersi idratato durante tutto l’arco della giornata: assumi almeno due litri di acqua al giorno, la quantità di liquidi necessaria a svolgere molteplici funzioni fondamentali per il nostro corpo, come fornire l’acqua necessaria alla vita delle cellule, termoregolare il nostro corpo, reintegrare i liquidi che espelliamo con le urine, normalizzare l’attività intestinale ed espellere tossine.

Vanno benissimo, anzi, sono consigliati infusi a freddo di vegetali ed erbe aromatiche per rendere una buona dose d’acqua più appetibile e funzionale per il metabolismo.

4. Fare pasti equilibrati

Tutti i nutrienti, carboidrati, proteine e grassi, nelle giuste dosi, insieme ad abbondante frutta e verdura, sono importanti  per apportare benefici alla tua forma fisica, oltre che influire positivamente sul tuo umore.

5. Aumentare l’apporto di cibi Sirt

Sono circa una ventina e vengono così chiamati perché riescono ad attivare le proteine sirtuine e hanno la capacità di regolare una grande quantità di processi legati al metabolismo, stimolandolo.

Proprio per questo, i cosiddetti  Sirt food sono alla base della famosa dieta Sirt, che aiuta a bruciare più velocemente le calorie assunte, favorendo un dimagrimento rapido e l’incremento della massa muscolare, grazie all’accelerazione del metabolismo indotta dalle sirtuine.

Come seguire la Dieta Sirt per attivare il metabolismo?

La Dieta Sirt prevede l’assunzione di cibi prevalentemente vegetali, ricchi di antiossidanti, che vanno consumati quotidianamente, alternandoli durante la settimana, e abbinandoli a fonti proteiche, come il pesce, la soia o le uova. 

Per dimagrire con la dieta Sirt, anche chiamata la “Dieta del gene magro” dai suoi due ideatori, puoi avvalerti dei prodotti di Dr. Ritelì, disponibili sul nostro shop online.

Tra questi il fondamentale succo Sirt fitoterapico, un concentrato dei più potenti cibi Sirt (cavolo riccio, prezzemolo, sedano verde, mela verde, succo di limone, tè verde matcha e zenzero) che consentono di attivare il metabolismo attraverso le sirtuine.

Inoltre, puoi acquistare shake in diversi gusti, integratori drenanti e anche tanti pacchetti di prodotti specifici pensati per ogni esigenza.

Contattaci per ricevere maggiori informazioni: il nostro team vanta una profonda conoscenza delle piante officinali e dell’arte galenica a servizio del benessere. 

Leggi di più...
dieta sirt come funziona

I segreti per stare bene e in forma: come funziona la dieta Sirt

Dieta Sirt: come funziona e dove trovare i prodotti giusti

Vivere in armonia e avere un rapporto sereno con il proprio corpo è fondamentale per star bene mentalmente e fisicamente e condurre una vita appagante.

Non sempre però, la nostra immagine riflessa nello specchio ci piace e soprattutto a una certa età, quando il corpo inevitabilmente cambia, è facile provare disagio o fare più fatica ad accettarsi.

Tuttavia, prendersi cura di sé e ritrovare la forma fisica, non significa necessariamente sottoporsi a delle privazioni che causano stress e malessere, ma può voler dire adottare uno stile di vita più salutare, a partire dall’alimentazione.

Ma in che modo è possibile? In questo articolo vogliamo parlarti di un regime alimentare sano ed efficace che ti aiuterà a sentirti meglio. Ecco cos’è la dieta Sirt e come funziona.

Dieta Sirt: come funziona questo regime alimentare?

Sicuramente avrai sentito parlare della dieta Sirt, ormai diventata famosissima anche grazie a testimonial di spicco.

Questo regime alimentare sta reinventando i classici paradigmi nutrizionali ed è stato elaborato da due nutrizionisti britannici, Aidan Goggins e Glen Matten, che nel loro libro “Dieta Sirt, la dieta del gene magro” hanno spiegato nel dettaglio i benefici di questa alimentazione che mira a ridurre il grasso corporeo con alimenti mirati, i cosiddetti Sirt food.

Il nome della dieta, infatti, deriva dal fatto che questo tipo di alimentazione punta ad attivare le proteine sirtuine, ovvero dei composti in grado di riprodurre gli effetti della restrizione calorica e dell’attività fisica,poiché possiedono una spiccata proprietà enzimatica.

Infatti, al contrario delle altre diete, quella Sirt non indica cosa evitare di mangiare, ma, piuttosto, quali cibi inserire nel proprio piano alimentare quotidiano.

Ma come funziona la dieta Sirt? Scopriamolo insieme.

Come tornare in forma con la dieta Sirt

Come già accennato, la dieta si basa sull’attivazione delle 7 proteine sirtuine, che hanno la capacità di regolare e stimolare il metabolismo, ma anche di innescare un meccanismo che simula il digiuno.

Infatti, la dieta Sirt funziona aiutando l'organismo a bruciare più  velocemente le calorie assunte, favorendo così un dimagrimento rapido, ma senza eccessive rinunce.

Oltre a eliminare il grasso in eccedenza, le proteine sirtuine consentono il mantenimento della massa muscolare e ne favoriscono l’incremento, grazie all’attivazione del DNA. Secondo alcuni studi, inoltre, svolgono anche un'importante funzione nel processo di invecchiamento cellulare, rallentandolo.

Le due fasi della dieta Sirt

La dieta Sirt predilige l’assunzione di cibi principalmente vegetali, che sono in grado di aumentare il numero delle proteine sirtuine nel nostro organismo, ed è divisa in due fasi:

  • Prima fase

Dura una settimana. Nei primi tre giorni l'apporto calorico giornaliero è al di sotto delle 1000 calorie e prevede il consumo di tre succhi verdi (al mattino, a metà mattina e a metà pomeriggio) e di mangiare un pasto solido. I succhi, infatti, rendono più assorbibili i principi attivi dei vegetali. 

Nei quattro giorni successivi, il regime passa a circa 1.500 calorie con l'aggiunta di un secondo pasto solido rappresentato da pasta di grano saraceno, pesce o petto di pollo, con un contorno vegetale. Tutti i giorni è consigliato un alimento Sirt funzionale, come ad esempio 15-20 g di cioccolato fondente all'85%.

  • Seconda fase

Dura due settimane ed è la cosiddetta fase di mantenimento. Si consumano tre pasti al giorno, un succo verde e due spuntini. Si possono aggiungere uova, yogurt, pollo, gamberoni, fagioli, patate, pasta, pizza e insalate, oltre a frutta e verdura. Due o tre volte a settimana, in aggiunta ai pasti, si può bere un bicchiere di vino rosso che contiene polifenoli, in grado di attivare le proteine sirtuine.

Ecco come seguire la dieta Sirt con Dr. Ritelì!

Ora che sai come funziona la dieta Sirt ti starai sicuramente chiedendo cosa mangiare e se seguirla è particolarmente complicato.

Per assicurarti l’assunzione di cibi Sirt, puoi avvalerti dei prodotti di Dr.Ritelì come il famoso succo Sirt, un concentrato dei vegetali più attivi, ovvero:

  • cavolo riccio
  • prezzemolo
  • sedano verde
  • mela verde
  • succo di limone
  • tè verde matcha
  • zenzero

Ma non solo! Sul nostro shop online puoi trovare una vasta gamma di prodotti Sirt che ti aiuteranno a seguire questo piano alimentare innovativo con gusto e anche molto facilmente: grazie a formule appositamente studiate, infatti, potrai assumere cibi Sirt anche in vacanza, senza interrompere la tua dieta!

Ad esempio, troverai il tris di proteine Sirt, ideali per la preparazione di pane, biscotti e frullati, ma anche integratori drenanti e frullati. Per iniziare ti consigliamo il pacchetto “Accetta la sfida cacao”, che comprende succo Sirt, le capsule Dimagrit, Proteinrit da sciogliere nel latte per una colazione proteica e Sirt shake, perfetto come sostituto del pasto.

Contattaci per maggiori informazioni e inizia anche tu il tuo percorso di benessere con noi!

Leggi di più...

Cioccolata e vino rosso: è questo il segreto delle star per rimanere in forma.

Come fanno le star a rimanere in forma?

Le star rimangono sempre in forma e ti chiedi come sia possibile? Siamo pronti a svelarti il loro segreto: si chiama dieta Sirt e ha fatto letteralmente impazzire il mondo dei VIP, con risultati sorprendenti.

Ha permesso a Pippa Middleton di arrivare alle nozze in una forma smagliante, al campione di vela Ben Ainslie di sfoggiare un fisico incredibile e al pugile Anthony Ogogo di risultare più asciutto che mai.

Secondo i rumors, sarebbe proprio la dieta Sirt il segreto che ha permesso ad Adele, la popstar più famosa al mondo, di ridurre il girovita, sorprendendo tutti quanti con una forma fisica fantastica. E noi siamo pronti a condividerlo con te.

 

Che cos’è la dieta Sirt?

Il principio della dieta Sirt si basa sulla potenza delle sirtuine, proteine enzimatiche che accelerano il metabolismo, aiutandoti a bruciare più massa grassa. Scegliendo alimenti ricchi di sirtuine (come il cavolo riccio, le noci, le cipolle rosse, e molto altro ancora), si avranno effetti estremamente benefici per mantenersi in forma.

Ha una durata di circa 3 settimane alla quale farà seguito un periodo di mantenimento, ed è consigliato, come in qualsiasi regime alimentare, abbinare un po’ di sano movimento.

Proprio per la potenza delle sirtuine, la dieta Sirt è nota anche come “la dieta del gene magro”.

 

Quali sono gli alimenti della dieta Sirt?

Il protocollo standard della dieta Sirt prevede tre settimane così suddivise:

 

  • Settimana 1: i primi 3 giorni si consumano succo Sirt e centrifughe di verdura e frutta, mantenendo il deficit calorico. Nei successivi 4 giorni si aggiungono pasti solidi a piacere, cercando di rimanere entro le 1500 calorie.
  • Le settimane 2 e 3 prevedono il mantenimento di un regime ipocalorico, con una maggiore varietà dei cibi da poter consumare.

Il bello della dieta Sirt, infatti, è la varietà degli alimenti da poter prendere in considerazione, per tenersi in forma senza rinunciare al piacere di un buon bicchiere di vino rosso o a un quadrato di cioccolata fondente.

È, tuttavia, indispensabile avere il supporto di una figura professionale ed evitare il fai-da-te.

Se anche tu vuoi scoprire tutti i benefici delle sirtuine, puoi richiedere una consulenza nutrizionale gratuita, compilando il form che trovi in questa pagina.

 

 

Leggi di più...

Scopri la Dieta Sirt che ha fatto perdere 45 kg ad Adele!

La dieta Sirt, o dieta del gene magro, ha riscosso un grande successo dopo che le foto di Adele magrissima hanno fatto il giro del web. La cantante inglese ha perso molti chili grazie a questo regime alimentare pubblicizzato anche da altri vip, tra cui Pippa Middleton e il pugile professionista David Haye.

È una dieta che sta reinventando i classici paradigmi nutrizionali, e in molti si sono detti entusiasti dopo l’inizio di questo percorso di estremo benessere, che mira a ridurre il grasso corporeo con alimenti mirati. 

Il nome della dieta più in voga degli ultimi anni, deriva dal fatto che attiva le proteine sirtuine, dei composti in grado di riprodurre gli effetti della restrizione calorica e dell’attività fisica.

Le proteine sirtuine possiedono una spiccata proprietà enzimatica. Sono sette (dalla Sirt 1 fino alla Sirt 7) ed in pratica regolano i processi metabolici rendendoli più efficienti. Secondo alcuni studi hanno anche una importante funzione nel processo di invecchiamento cellulare, rallentandolo.

Al contrario delle altre diete, la Dieta Sirt non dice cosa evitare di mangiare, ma, piuttosto, quali cibi inserire nel proprio piano alimentare quotidiano.

Si tratta di una dieta che non dà troppe privazioni; ecco perché sta avendo tutto questo successo in Italia e all’estero.

Come funziona la Dieta del Gene Magro?

La dieta sirt, chiamata anche la dieta del vino rosso e del cioccolato, predilige l’assunzione di cibi principalmente vegetali, che sono in grado di aumentare il numero delle proteine sirtuine nel nostro organismo.

Questo innovativo regime alimentare è stato elaborato da due nutrizionisti britannici, Aidan Goggins e Glen Matten, che nel loro libro “Dieta Sirt, la dieta del gene magro” hanno spiegato nel dettaglio i benefici di questa alimentazione basata sui Sirt Food e sulla restrizione calorica, come in ogni altra dieta.

Dieta Sirt: programma e durata

Esiste un vero e proprio schema settimanale della dieta Sirt, che va seguito nel dettaglio per ottenere i risultati sperati. In particolare, la fase 1, della durata di 7 giorni, risulta quella essenziale per il dimagrimento. 

Fase 1

Trattandosi di una dieta ipocalorica, i primi giorni risultano essere i più impegnativi. 

Durante la fase 1, si raccomanda di ridurre l’apporto calorico e di assumere ogni giorno semplicemente succhi e frullati con cibi Sirt. Questi possono essere ottenuti da cavolo, rucola, mela verde, prezzemolo, succo di limone, gambi di sedano e tè verde matcha.

In alternativa si possono trovare sul mercato centrifugati già pronti, come quelli di Dr.Ritelì.

In questa prima fase è possibile perdere fino a 7 chilogrammi ma viene raccomandato di assumere circa 1000 calorie durante i primi 3 giorni, e 1500 calorie dal quarto giorno fino alla fase 2, continuando a bere il succo sirt almeno due volte al giorno.

Fase 2

La fase 2, che dura 14 giorni, non sono prevede particolari indicazioni per quanto riguarda l’apporto calorico, ma è necessario assumere quotidianamente il succo sirt e introdurre principalmente alimenti Sirt in tutti i pasti della giornata.

Tra questi, troviamo: 

  • mirtilli;
  • prezzemolo;
  • soia;
  • caffè;
  • rucola;
  • tè verde;
  • sedano;
  • mela verde;
  • olio extra vergine d’oliva;
  • fragole;
  • cioccolato fondente all’85%;
  • curcuma;
  • cavolo.

I Sirt Food sono degli ottimi alleati per la salute soprattutto per le proprietà che hanno, in modo particolare per il fatto di essere degli antiossidanti e degli antinfiammatori

Queste due fasi possono essere ripetute più volte, fino al raggiungimento dell'obiettivo, alternate a un regime alimentare di mantenimento.

Per massimizzare i risultati si incoraggia gli utenti a effettuare anche esercizio fisico per circa 30 minuti cinque giorni alla settimana, tuttavia non risulta indispensabile per avere gli effetti desiderati. 

Dr. Ritelì: prodotti 100% naturali per iniziare la Dieta Sirt 

Dr. Ritelì è un punto di riferimento in Italia per chiunque voglia iniziare questo regime alimentare innovativo.  Offre prodotti 100% naturali che riattivano il metabolismo facendo leva sui prodotti a base vegetale. 

Il Succo Sirt, per esempio, è un composto a base di cavolo riccio, prezzemolo, sedano, mela verde, tè verde matcha, limone e zenzero.  Questa particolare associazione di prodotti vegetali può rientrare nella quotidiana alimentazione, fornendo alcuni elementi essenziali che sono contenuti in queste verdure. 

Per questo SUCCO SIRT risulta di aiuto in un percorso di controllo del peso, fornendo un supporto di nutrienti sani che facilitano un benessere psico-fisico duraturo nel tempo.  I quotidiani ritmi frenetici e stressanti a cui siamo sottoposti non ci permettono troppo spesso di porre attenzione e tempo ad una sana alimentazione, portando spesso ad avere un peso corporeo troppo elevato; per questo un uso regolare di Succo Sirt aiuterà ad assumere specifici alimenti in grado di aiutare l’organismo in un processo di salute e di dimagrimento.

Tutti i clienti che l’hanno provato si sono detti entusiasti della sua efficacia, constatando una perdita di peso non indifferente e un livello di benessere complessivo ben sopra la media. 

Clicca sul pulsante che trovi qua sotto e acquista subito Succo Sirt. 

Leggi di più...

Sirtuine e prevenzione

C'è una notizia davvero veramente molto interessante, che è uscita in questi giorni e che riguarda un'importante funzione delle SIRTUINE. Verificata da uno scienziato italiano, Camillo Ricordi, che lavora presso l’Università di Miami, è una specifica risposta dell'organismo alle SIRTUINE, che ha permesso di mettere a punto uno protocollo “naturale” che si ipotizza possa contribuire a rendere il virus Sars-CoV-2 meno aggressivo. Camillo Ricordi, che collabora in ricerche internazionali su trapianti cellulari e medicina rigenerativa e diabete, già da tempo sta conducendo analisi sull’uso delle staminali contro il Covid-19 che, secondo gli ultimo lavori pubblicati, offrono un promettente orizzonte. L'impostazione del ricercatore è volta a selezionare sostanze che possano proteggere l'organismo e renderlo più resistente, come si sono rivelati proprio i Polifenoli, gli Omega 3 e la vitamina D. La tecnica di studio dello scienziato consiste nel selezionare elementi protettivi di origine naturale, come appunto i polifenoli e attivatori delle sirtuine, che stanno dimostrando un’interessante azione protettiva che innalza il picco di resistenza della popolazione nei confronti delle forme più gravi di Covid-19. Il Ricordi dichiara di “Aver lanciato uno studio molto importante”: il protocollo propone l’assunzione di sostanze naturali, in particolare attivatori delle sirtuine, polifenoli e omega 3, vitamina D, vitamina C, che possono aiutare a evitare le reazioni iper infiammatorie e iper immuni che caratterizzano anche le forme più gravi di SARS-Cov-2. Anche in Italia, recenti ricerche dell’ Università di Roma Tor Vergata e dell’ Università La Sapienza, hanno evidenziato come polifenoli attivatori delle sirtuine, omega 3 e vitamina D riescano ad inibire la replicazione del virus influenzale; proprio alla luce di questo risultato sono in corso studi per valutare l’azione di queste sostanze sulla replicazione del Covid-19. Anche se il lavoro scientifico non è ancora stato pubblicato, si sa già che l’aumento delle sirtuine sicuramente porta a migliorare e a modulare le risposte del sistema immunitario, e potrebbero rappresentare non solo un valido rimedio anti-invecchiamento, ma anche essere di aiuto al nostro sistema immunitario per maturare una risposta più energica ed efficace contro le infezioni virali. Si tratta di una strategia complementare, che già era allo studio, in vari centri di ricerca nazionali ed internazionali, prima dello scoppio della pandemia, e che si associa alla ricerca di trattamenti validi per bloccare anche la progressione di malattie autoimmuni, come il diabete di tipo I, la psoriasi e il morbo di Crohn, che fanno parte di una schiera di patologie che colpiscono oltre il 20% della popolazione e che potenzialmente hanno una base comune con i casi più gravi di Covid-19: carenza di sostanze protettive, a causa della dieta, sempre più ricca di alimenti processati e ad alto indice glicemico, con pochi polifenoli e pochi attivatori delle sirtuine, pochi omega 3. Da questi studi si evince che una integrazione quotidiana di sostanze attivatrici delle sirtuine risulta necessaria per la salvaguardia della salute, e senza dubbio non sono sufficienti le dosi introdotte con la dieta, che non può superare una certa quantità di chilocalorie giornaliere. In questo orizzonte, SUCCO SIRT si propone come preparato ricco di vegetali ad alta concentrazione di flavonoidi ed altri attivatori delle sirtuine, la cui assunzione quotidiana permette di integrare una elevata quantità di sostanze protettive, complementi di bellezza, salute e benessere, contribuendo a tracciare un percorso di longevità sana.
Leggi di più...
grano saraceno

GRANO SARACENO

Il grano saraceno, nome scientifico Polygonum fagopyrum, è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Poligonaceae. Originaria delle coste del Mar Nero, raggiunse l’Europa nel tardo Medioevo. A causa delle sue proprietà nutrizionali e per i suoi numerosi impieghi alimentari, questo vegetale è stato spesso annoverato commercialmente nel gruppo dei cereali, ma in realtà non appartenendo alla famiglia delle Graminaceae – la famiglia botanica a cui appartengono tutti i cereali – risulta chiaro che non si tratta appunto di un cereale, ma si parla più precisamente di pseudocereale; una caratteristica molto interessante che lo contraddistingue è che il grano saraceno è naturalmente senza glutine, adatto quindi ai celiaci. Dalla macinazione dei suoi semi si ottiene una farina, simile a quella di frumento, con cui si ricavano svariati prodotti alimentari: la polenta taragna, le crespelle, i pizzoccheri della Valtellina ne sono solo un esempio. La raccolta dei suoi frutti viene effettuata a piena maturazione, quando hanno raggiunto una colorazione scura; da questi si ottiene il seme, che è appunto la parte utilizzata a scopo alimentare. Il seme di grano saraceno contiene un’abbondante quantità di proteine, di elevato valore biologico, in quanto sono presenti sia amminoacidi essenziali come lisina, treonina, e triptofano, sia amminoacidi solforati. E’ presente inoltre una elevata quantità di amido, ma non glutine. Per queste caratteristiche nutrizionali, il grano saraceno è un ottimo alimento da inserire nella dieta degli sportivi, grazie alla sua caratteristica energetica, nonché in quella delle persone anziane e comunque quando sono richiesti alimenti che siano in grado di dare vigore e tono fisico. Oltre alle importanti proprietà nutritive il grano saraceno contiene dei composti chimici di elevato interesse, tanto da rientrare tra gli alimenti nutraceutici. Contiene infatti delle molecole ad elevato potere antiossidante, la rutina e i tannini, che fra l’altro migliorano il microcircolo prevenendo la comparsa di emorragie e migliorando generalmente la circolazione periferica; flavonoidi, fra cui la vitexina, la isovitexina, la isorientina e soprattutto la quercetina, che fanno sì che questo vegetale rientri a pieno titolo fra i cibi Sirt, ovvero in grado di favorire il metabolismo delle sirtuine. Infatti sia per la presenza di Quercetina, sia per quella di una specifica proteina, si è visto che il grano saraceno è in grado di legare in maniera salda il colesterolo in circolo e di diminuire il suo tasso nel sangue in maniera considerevole, oltre ad avere un’analoga funzione nei confronti di altre molecole grasse a cui viene così impedito il processo di stoccaggio; viceversa viene favorito il processo di adipolisi, ovvero di scioglimento e di eliminazione di molecole di grasso di deposito, processo che favorisce il dimagrimento. Nel grano saraceno è inoltre presente il D-chiro-inositolo, una delle molecole adibite al trasporto del segnale dell’insulina, che – da ultimi studi in atto – sembra risulti di grande aiuto proprio nel regolarizzare il metabolismo glucidico. Come ogni medaglia ha il suo rovescio, per contro il grano saraceno possiede il difetto di essere un potenziale allergene: soprattutto in Asia, molto raramente in Europa, si sono verificate forme di allergie alimentari anche gravi, dovute all’ingestione di questo seme contenuto in svariati alimenti anche non dichiaratamente.
Leggi di più...

Il cacao per dimagrire: tutto il potere di Sirt Shake

Perdere peso non è più un problema

Il problema del sovrappeso e di come porvi rimedio è davvero problema comune e di faticosa soluzione. Per questo noi lavoriamo da tempo ad un percorso alimentare di eccellenza, che favorisca l'attivazione metabolica grazie all'oculata scelta degli alimenti e ad una loro corretta associazione con appositi estratti vegetali.
La dieta Sirt Proteica si propone come un percorso efficace, rapido e comodo per arrivare felicemente all'obiettivo. Sì perché una volta appreso il metodo Sirt Proteico non si soffrirà più fame, l'umore sarà eccellente e il peso calerà velocemente e in maniera duratura. Il principio su cui si basa la dieta Sirt Proteica è quello di un uso quotidiano di alimenti che attivano il metabolismo delle sirtuine, proteine enzimatiche che riescono a accelerare lo smaltimento dei grassi inibendo il loro deposito.
Dati scientifici dimostrano che i flavonoidi contenuti in certi vegetali hanno questa capacità, quindi osservare una dieta specifica, in cui si associano determinati vegetali a giuste proteine, porterà ad un successo sicuro e definitivo.

Sirt Shake: dimagrire col cacao

Dopo Succo Sirt, l'attivatore metabolico vegetale per eccellenza, grazie al quale tutti potranno ritrovare la perfetta forma fisica mantenendo il buonumore, da oggi la grande novità: il cacao, uno dei super food Sirt, uno dei mega attivatori del metabolismo delle sirtuine, come elemento base del Sirt Shake, il nuovissimo sostituto del pasto Dr. Ritelì.

Siamo riusciti ad ottenere un prodotto con un'elevata concentrazione di cacao, tale da garantire l'attività Sirt di questo sostituto del pasto. Un prodotto unico nel panorama, con la caratteristica di fornire in un solo gesto, rapido e semplice, un pasto completo, dallo squisito gusto di cioccolato fondente, e contemporaneamente in grado di favorire l'attivazione metabolica. Un vero sostituto SIRT, che permette di dimagrire mangiando!
Divertiti a scoprire il meraviglioso mondo di gusto e benessere dell’alimentazione Sirt. Clicca sul pulsante che trovi qua sotto e acquista subito Sirt Shake.
Sirt shake sostituto pasto cacao
Leggi di più...
come preparare muesli sirt dr riteli

Ricette Sirt: come preparare un ottimo muesli sirt.

Ecco a voi una nuova ricetta della salute: il muesli Sirt di Dr. Ritelì.

Come preparare un ottimo muesli Sirt!

La mattina inizia con energia! Grano saraceno, cocco, noci, datteri, lamponi, fragole, cacao sono gli ingredienti per ottenere un MUESLI SIRT, che contiene i super food attivatori del gene magro. Si tratta di un insieme energetico e sano, che oltre a fornire nutrienti di eccellente qualità, si associa bene alla dieta Sirt, l'alimentazione che prevede l'uso di determinati cibi che interferiscono sul metabolismo delle sirtuine, favorendone l'attivazione e di conseguenza aumentando l'eliminazione dei grassi di deposito. Infatti questo muesli è l'esempio di un alimento che sì fornisce elementi nutritivi e calorie ma contemporaneamente contiene sostanze attive sul gene magro, l'enzima che attiva il metabolismo delle sirtuine: porta quindi nutrimento ma non aumenta la massa grassa. Vediamo le sue caratteristiche nutrizionali più importanti: agli acidi grassi essenziali contenuti nelle noci si associano il potassio, le vitamine, il calcio e il ferro delle fragole; i lamponi sono ricchi di vitamine e soprattutto di chetoni, dalla nota proprietà dimagrante. Le proteine contenute nel seme di grano saraceno hanno un elevato valore biologico, i datteri una elevata concentrazione di sali minerali e magnesio che si unisce alla grande energia del cacao. Aggiungi infine latte o yogurt magro e avrai in tavola la tua carica energetica del mattino, che ti garantirà-rispettando le dosi modiche, senza eccedere-di mangiare con gusto e soddisfazione senza aumentare il tuo peso. Se poi vuoi alternare il tuo muesli ad uno squisito biscotto proteico con gocce di cioccolato oppure ad una fetta di pane abbrustolita con il pomodoro, acquista Proteine Sirt, la miscela di proteine di lupino, riso e avena che ti permette "peccati di gola" che non fanno ingrassare; potrai infatti ottenere pane e dolci "per nutrire i tuoi muscoli e non i tuoi grassi". Prova ora PROTEINE SIRT e vai a vedere le altre ricette pubblicate su YouTube! Ecco il video della ricetta del muesli:
Leggi di più...